Come mantenere la tranquillità in ogni situazione?

Comprensione degli effetti a catena della rabbia sul cosmo.

Saluti, spero che il nuovo decennio di Capodanno sia trattato bene. Hai seguito le risoluzioni del tuo nuovo anno in modo dedicato? Se hai ancora problemi a rispettare le tue risoluzioni, puoi scrivermi. Possiamo aiutarvi ad attenervi all'elenco. Dopotutto, la produttività rende tutti felici. E essere felici è il modo migliore per rallegrare gli altri.

Le emozioni sono contagiose. Se ti senti positivo, condividi positività con le persone intorno a te. Allo stesso modo, se ti senti triste o arrabbiato, l'atmosfera in cui lavori lentamente inizia a rispecchiare il tuo umore. Il mio Guru, che mi ha insegnato a raccontare storie e i fondamenti dell'ideazione, aveva condiviso questa storia molto interessante con me quando ero al secondo anno.

Una volta una coppia ha litigato per un tè mal preparato. La moglie si era svegliata presto per preparare una tazza di tè per il marito la mattina prima di partire per lavoro. Tuttavia, quando il tè fu servito al marito, fece una brutta faccia dopo averlo sorseggiato. Lo sputò e sbatté la tazza sul tavolo da tè e se ne andò. La moglie si sentì estremamente offesa da questo e svuotò il bollitore nel lavandino. Non poteva tollerarlo. Incanalò la sua rabbia sulla cameriera. Ha combattuto con lei e poi l'ha licenziata. Infuriata dal comportamento assurdo del suo ex datore di lavoro, andò a casa per sfogare tutta la sua rabbia su suo figlio che aveva chiesto soldi per il picnic per la gita scolastica. Si rifiutò di dargli soldi. Il figlio, infettato dalla furia contagiosa, andò a scuola e picchiò un giovane per liberare la sua ira. Il ragazzino maltrattato, per emettere la sua irritabilità, faceva un brutto scherzo al suo insegnante. Per rabbia, l'insegnante telefonò al padre del bambino e gli fece uscire tutta la rabbia. L'insegnante non risparmiò affatto il padre e discusse del suo scetticismo sulle capacità genitoriali del padre. Infastidito dalle osservazioni dell'insegnante sulla genitorialità, il padre scoppiò su uno dei suoi dipendenti. Il dipendente è stato licenziato per aver fallito in uno degli affari più importanti che gli erano stati affidati con il cliente più prezioso dell'azienda. Per coincidenza, quell'impiegato era il marito che sputava il tè all'inizio di questa storia.

In un universo parallelo, in cui il marito non sputa il tè e con calma fa un commento divertente a riguardo, ma grazie a lei per lo sforzo che ha preso, non viene licenziato ma alla fine promosso.

Le emozioni sono energie che vengono trasferite da una persona all'altra.

Qualche anno fa, mia sorella mi ha regalato questo meraviglioso libro intitolato "Meditazioni" dello stoico Marco Aurelio. Quando questa storia mi è stata narrata, la mia mente non ha potuto fare a meno di pensare a quel libro. Ci sono stati due pensieri molto importanti che non mi hanno mai lasciato nemmeno dopo aver finito di leggere il libro. E penso che tutti noi possiamo trarne vantaggio per evitare che ci accadano disgrazie poetiche come è successo con il marito dalla storia. I due pensieri (non nelle sue parole esatte, ma ciò che ho capito da esso) sono i seguenti.

  • Accetta che il mondo sia pieno di persone che non hanno il controllo delle proprie emozioni. Ma accetta anche che agire l'uno contro l'altro, significa agire contro l'universo. Siamo tutti fatti per cooperare, per essere dipendenti, come mani, piedi, palpebre, file di denti superiori e inferiori. Accetta che sia tale.
  • Ma, solo perché lo accetti, non significa che va bene essere come tutti. Lavora su te stesso e mantieni il controllo delle tue emozioni. Chiediti, è qualcosa che mi sta succedendo, sotto il mio controllo? Se sì, risolvilo positivamente. Se no, beh, non puoi farci niente, quindi potresti anche rimanere positivo. Rispondi, non reagire.

In un posto di lavoro o anche nella vita, inconsapevolmente, reagiamo a determinate cose in determinati modi. Sta sempre a noi decidere se trasferire positività o negatività. Negatività e produttività non vanno mai di pari passo.

La decisione alla fine della giornata è nostra, se lavorare per la produttività o contro di essa. Quindi, noi di il0g ci pensiamo due volte prima di rispondere. Comprendiamo tutti l'importanza di essere felici, individualmente, ma che a loro volta funzionano per l'intera squadra in un modo o nell'altro. Spero che questa storia ti ispiri nel rendere qualcuno felice oggi! Ciao per ora!

Pace e saluti,

Quello grigio.